Storia della parrocchia

1476719829946_m5

E’ il primo ottobre 1971 quando don Mario Nistri riceve la nomina come parroco di S. Giovanni Apostolo: proprio nell’estate di quell’anno era avvenuta l’erezione della parrocchia.

La nascita della nostra parrocchia di S. Giovanni Apostolo ed Evangelista avviene con l’erezione canonica fatta dall’allora vescovo di Pescara – Penne Mons. Antonio Iannucci il 14 aprile 1968. Il riconoscimento civile da parte dello Stato Italiano avvenne il 24 ottobre 1971, in quella data avvenne anche la nomina, da parte del Vescovo, del suo primo parroco Don Mario Nistri. Fin dalla sua fondazione la parrocchia hai confini attuali : a sud si arriva fino a viale Abruzzo, ad ovest fino al sottopasso della ferrovia, ad est fino al mare Adriatico e a nord fino al fiume Saline. Il progetto dell’attuale chiesa di viale Europa fu fatto dall’ingegnere Mariano Volpe e i lavori di costruzione furono eseguiti dall’impresa edile Di Pietro Migliorino e fratelli Centorame. Iniziarono nel Marzo 1972 e furono completati nel luglio dello stesso anno, tanto che il 30 luglio il Vescovo venne per consacrarla e aprirla al culto. Pur essendo piccola la chiesa è dotata di pregevoli opere d’arte contemporanea: la statua dell’Immacolata in marmo, oggi nell’atrio d’ingresso, un tempo situata sulla facciata in alto a sinistra, opera dello scultore Michele Caporale, come il crocifisso grande in legno, appeso al muro sopra l’altare.

1779239_313294848871271_2313152385586724482_n

La statua di San Giovanni Apostolo e della Vergine in preghiera posti ai lati del crocifisso opere realizzate in legno dagli scultori di Ortisei STUFLESSER” Lungo le mura interne dell’edificio si trovano quindici tavolette dipinte che riproducono le stazioni della Via Crucis opera del pittore prof. Alberto Torcila. Come anche le dieci tavolette che riportano i misteri della gioia e della gloria del rosario. Sempre opera del prof. Torella sono gli affreschi dell’abside e delle travi che riproducono il mistero della creazione e della redenzione coni particolari di Cristo, della Vergine Madre e di 5. Giovanni l’apostolo prediletto. I lavori artistici iniziarono nel 1973 e furono terminati nel 1975.

A Don Mario dimessosi per raggiunto li-mite di età succede come parroco don Rodolfo Soccio giovane e intraprendente che decide di allargare la piccola chiesa per renderla più capiente e confortevole, dotandola anche di un impianto dì condizionamento dell’aria. Costruisce inoltre, in via Pascoli un grande centro pastorale per venire incontro a tutte le numerose attività svolte dai movimenti, associazioni e gruppi da lui chiamate in parrocchia: Azione Cattolica , Cammino Neocatecumenale , Centro D’Ascolto della Parola.

Visiona anche: Progetto Chiesa Nuova

Dopo quasi due decenni di attività arriva a sostituirlo per avvicendamento l’attuale parroco don Giancarlo Di Giulio che vista la necessità di una chiesa più grande per l’aumentato numero dei parrocchiani dà subito avvio al progetto per la nuova chiesa parrocchiale, ottenendo dal comune di Montesilvano circa cinquemila metri quadri di terreno, in via Portogallo per la nuova costruzione. Dà inizio inoltre alla ONLUS “Luce e Vita”, al banco alimentare, alla Sagra parrocchiale, all’oratorio e dopo scuola e alla colonia estiva. Attualmente, dopo aver fatto costruire il grezzo di una piccola parte del nuovo progetto, quella relativa ai saloni parrocchiali, si è in attesa del decreto di approvazione finale con finanziamento della CEI, per poter riprendere e ultimare i lavori fino alla chiusura del cantiere.