Liturgia del giorno

Mercoledi’ delle seconda settimana di Avvento: Mt.11,28-30

Gesu’ ci invita ad andare a Lui,  per imparare da Lui, mite ed umile di cuore, a prendere sopra di noi il suo giogo, cioe’ la volonta’ di Dio; il disegno di amore che il Padre ha su ciascuno di noi. Cosa questa non facile e spontanea o naturale, ma soprannaturale, perche’ opera della Grazia della Fede e dello Spirito Santo che rende dolce e leggero il giogo di Cristo.